• 1
  • 2

Giovedì, 19 Novembre 2020 19:10

3° Concorso di Natale 2020

Vota questo articolo
(0 Voti)

Regolamento - Circolare N°19/2020
scarica 3° Concorso di Natale FISM 2020 - Circolare N°1/2021

scarica 3° Concorso di Natale 2020 (Premi) - Circolare N3/2021

Pubblicazione dei Presepi in ordine di arrivo cronologico

Scuola dell’Infanzia Paritaria "SANTA TERESINA DEL BAMBIN GESU'" - Gleris

il nostro presepio è stato costruito interamente con materiali da riciclo portati da casa dalle famiglie (scatole, lana, stoffe...). I bambini medi hanno colorato con i colori a tempera ed assemblato quasi tutti i particolari.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "ANGELO CUSTODE" - Fiume Veneto

scarica“Luci splendenti a illuminare i desideri di tutti… Buon Natale luminoso”
Quest’anno è stato scelto come tema del Natale la LUCE, intesa come speranza. Possa la nascita del Bambino Gesù portare pace e consolazione in questo periodo buio che tutta l’umanità sta vivendo. Il nostro Presepe si trova nel giardino all’ingresso princi-pale della Scuola rivolto verso la piazza del Comune. La scuola con tutti i bambini e le bambine vogliono comunicare un messaggio luminoso di presenza e vicinanza all’intera comunità di Fiume Veneto: tutti i bambini sono la luce del futuro di domani!
Allestimento: il Presepe si collega anche al progetto Atelier della scuola “Il filo della felicità”, è composto da statue originali dei primi anni di funzionamento della scuola, i bambini con l’aiuto dell’Atelerista hanno preparato la base del presepe con foglie sec-che, hanno costruito lanterne di carta e addobbi che scendono dai rami dell’albero con la tecnica del filo e ricoperti di carta stagnola per riflettere la luce. La grande quer-cia sovrasta con un abbraccio il Presepe con un grande effetto luminoso su tutta la composizione.
Le famiglie sono state coinvolte nell’arricchirlo con fili di luci e una loro rappresen-tanza ha collaborato nell’allestimento delle luci.

 Scuola dell’Infanzia Paritaria "SACRO CUORE" - Pordenone

L’idea di realizzare questo presepe è nata pensando al tema sfondo del nostro progetto “dall’albero alla carta” iniziato lo scorso anno e che ha visto i bambini protagonisti nell’approfondire la conoscenza degli alberi sotto molti aspetti: stagionale, scientifico, artistico, creativo e non meno importante affettivo (il nostro amico albero ci aiuta e ci fa vivere), per poi scoprire come il legno può essere trasformato in carta.
L’albero, dono meraviglioso di Dio Creatore e Padre, è un essere vivente simile a noi poiché nasce, cresce e muore trasformandosi in una diversa fonte di vita.
Come lui possiamo offrire molto di noi stessi agli altri: BELLEZZA, COLORE, SINGOLARITA’, GRANDEZZA, GENEROSITA’.
Questo presepe, fatto di tanti pezzi e tipi di albero, racchiude in sé tutto questo.
Noi siamo i personaggi diversi ma unici che con gioia andiamo vero la culla per conoscere Gesù.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "SANTA MARIA GORETTI" - Borgomeduna

Il presepe è stato realizzato coinvolgendo le famiglie in un’attività dedicata al fare insieme ai propri figli e al lasciare una traccia a scuola.
È posto all’ingresso, proprio là dove quest’anno l’emergenza sanitaria ci porta a tenere fisicamente fuori gli adulti. È posto sulla soglia, al confine fra un dentro e un fuori, come un ponte simbolico e amorevole che mantiene il legame tra scuola e famiglia.
Le casette e i personaggi sono stati interamente creati dai bambini con le loro famiglie. La realizzazione del presepe ha promosso la collaborazione reciproca, ha nutrito la fiducia dei bambini nelle proprie capacità e, attraverso l'utilizzo di materiali vari, tra cui quelli di riciclo e naturali, ha stimolato la motricità fine, la scoperta, la creatività e il rispetto verso l'ambiente.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "SAN GIORGIO" - Pordenone

Il presepe realizzato dalla Scuola S. Giorgio vede come protagonisti i bambini.
In aula, dopo aver raccontato l’avvento di Gesù e osservato le statuine tradizionali del presepe, è stata drammatizzata la nascita di Gesù dai bambini stessi, dove ognuno ha scelto la “statuina” che voleva interpretare. Abbiamo discusso sui ruoli di tutti i personaggi e della loro importanza. Durante la drammatizzazione l’insegnante ha fatto le foto a tutti i personaggi, le ha stampate, ritagliate e plastificate.
I bambini hanno poi realizzato il presepe in aula con la loro foto in formato statuina.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "GESU' BAMBINO" - Vivaro

Quest’anno il nostro presepe è stato allestito all’interno di un tinello e con l’aiuto delle famiglie abbiamo creato il paesaggio che attornia la Sacra Famiglia, per dare importanza alla famiglia stessa e alla casa dove ci si trova e si condividono i valori, della gentilezza, dell’amore verso le persone che ci stanno attorno ma anche verso gli amici siano essi adulti o bambini. Con i bambini invece abbiamo voluto creare il cielo per dare importanza alla libertà, alla natura ma anche per far capire che è importante ciò che ci sta attorno, tutti i giorni.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "GIOVANNI BASCHIERA" - Pescincanna

scaricaPrimavera - scaricaMedi - scarica Grandi

Scuola dell’Infanzia Paritaria "IMMACOLATA CONCEZIONE" - Rauscedo

“Gesù è un regalo per tutti”
Presepe ha tre tematiche: -Scatola sia come dono che arriva alle nostre porte e segno di speranza che si fa strada dentro abitazioni e cuori, sia come valigia che può essere trasportata ovunque. La di quasi immobilità attuale, non vale per il messaggio di Gesù che viaggia su tutte le frequenze e si muove con e dentro di noi; -Contributo di tutte le sezioni che hanno una parte si inserisce in un tutto armonico, che riflette la situazione attuale: separati ma uniti in una comunità; -Uso di elementi naturali collegati al progetto annuale. Materiale trovato a scuola, anche modificando elementi creati per altri scopi. Il riutilizzo si pone come un continuo con la quotidianità, fatta di esperienze che creano conoscenza riadattabile e riutilizzabile nel futuro.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "SANTA TERESINA DEL BAMBIN GESU'" - Camolli

In occasione dell’Avvento, abbiamo ritenuto importante creare una rappresentazione della Sacra Famiglia.
L’idea di utilizzare elementi naturali per raffigurare la Natività nasce dai bambini di 5 anni ed è in linea con la progettualità di sezione.
I bambini si dedicano spontaneamente alla raccolta di cose, attribuendone un grande valore affettivo-emotivo; anche durante le passeggiate nei campi limitrofi alla nostra scuola, amano riempirne le tasche, trasformandole in luoghi segreti rigonfi di tesori.
A questa esperienza è dedicato il “museo” degli elementi naturali, contesto progettato, allestito e significato dai bambini che promuove in loro gesti di scelta, raccolta, conservazione e “messa in mostra”, sostenendo, inoltre, ricerche osservative e grafico-pittoriche sugli elementi naturali.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "Giovanni XXIII" - Valvasone Arzene

DESCRIZIONE DEL PRESEPE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA DI VALVASONE GIOVANNI XXIII
Ogni anno abbiamo realizzato il presepe della scuola con la collaborazione delle famiglie…purtroppo quest’anno con tutte le restrizioni covid 19 abbiamo coinvolto solo i bambini.L’idea era di realizzare un presepe classico ma con un tocco di originalità…ecco che dopo aver pensato tanto la lampadina si è accesa.Siamo riuscite a recuperare dei pneumatici da utilizzare come rialzo\supporto per le case e la grotta e materiali di recupero vari per i personaggi. I bambini hanno operato insieme adottando la metodologia legata alla collaborazione e cooperazione dove ognuno ha messo in campo le proprie abilità, ha condiviso il materiale e lo spazio accettando anche le idee altrui.
I personaggi sono i seguenti:
la stella cometa: realizzata dai bambini della primavera con la tecnica della digitopittura
le pecorelle:i bambini dei piccoli hanno incollato il mais ottenuto sgranando le pannocchie (precedentemente),una volta asciutti i chicchi li hanno colorati di bianco
i pastori: a seguito di attività freddo\caldo,i bambini medi a piccoli gruppi hanno incollato tessuto vario realizzando il vestiario
Maria : i bambini grandi ( sempre a piccoli gruppi) hanno incollato del mosaico per costruire il vestito mentre per il velo un collage di pasta colorata di azzurro
Giuseppe: il vestiario è stato realizzato con la terra e le foglie
Le case: sono state costruite dai nonni della casa di riposo di Valvasone con la quale la scuola collabora da tempo

Scuola dell’Infanzia Paritaria "SACRO CUORE" - Tiezzo

il presepe di quest’anno è stato realizzato dai bambini con le insegnanti, suddividendosi le parti da costruire per poi mettere insieme gli elaborati: “ANCHE SEPARATI DAL COVID, SI POSSONO REALIZZARE BELLE COSE”.
Il percorso di IRC di quest’anno vede i bambini impegnati nella storia di San Francesco, primo creatore del presepe vivente. I bambini partendo da questo racconto hanno creato il paesaggio e i personaggi utilizzando materiali naturali e altri presenti a scuola.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "BEATA VERGINE DEL ROSARIO" - Azzano Decimo

Questo presepio simbolico racchiude il lavoro dei bambini nel percorso IRC di quest’anno.
Il percorso parla dei talenti che ognuno di noi ha, dobbiamo cercarli e metterli in evidenza per poi donarli agli altri, per metterci a disposizione di chi ha bisogno.
I bambini stanno esprimendo ciò che loro credono di poter donare e i compagni enunciano quali talenti vedono in loro.
Il presepe è composto da un albero che come gingilli ha i disegni dei talenti che ogni bambino è consapevole di avere e davanti alla capanna stilizzata sono stati posti dei pacchi regalo con dentro i disegni dei talenti dei bambini che donano a Gesù.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "SAN GIOVANNI BOSCO" - Cavolano

scarica Santo Presepe realizzato dai bambini e dalle bambine del Nido e Scuola d’Infanzia San Giovanni Bosco di Cavolano.
Il Presepe è stato realizzato con materiali naturali come la segatura, il muschio, il legno e con le statuine classiche.
Ogni sezione della scuola ha dato il proprio contriuto per la realizzazione del Presepe aggingendo qualcosa del loro vissuto e qualche personaggio proveniente dalla loro sezione, per esempio gli animali e i pezzi di legno della costruttività.
“Spesso i bambini – ma anche gli adulti! – amano aggiungere al presepe altre statuine che sembrano non avere alcuna relazione con i racconti evangelici. Eppure, questa immaginazione intende esprimere che in questo nuovo mondo inaugurato da Gesù c’è spazio per tutto ciò che è umano e per ogni creatura. Dal pastore al fabbro, dal fornaio ai musicisti, dalle donne che portano le brocche d’acqua ai bambini che giocano…: tutto ciò rappresenta la santità quotidiana, la gioia di fare in modo straordinario le cose di tutti i giorni, quando Gesù condivide con noi la sua vita divina.”
Lettera Apostolica Admirabile signum del Santo Padre Francesco sul significato del Presepe

Scuola dell’Infanzia Paritaria "MONS. O. BORTOLUSSI" - Caneva

Premessa: il nostro obiettivo di coinvolgere le famiglie nella realizzazione del presepe si è basato sulla richiesta di raccogliere insieme ai propri bambini, a casa, materiale di cancelleria esausto: matite colorate non più temperabili, tappi di pennarello, carta da regalo riciclata blu e marrone, riccioli di tempera di colori e matite, una cassettina di legno della frutta.
Genitori e bambini hanno partecipato alla richiesta facendo pervenire in scuola il materiale appositamente chiuso in sacchettini di plastica. Il personale ausiliario ci ha aiutato provvedendo , con appositi dispositivi di sicurezza, a stipare il materiale in quarantena nel locale appositamente adibito della nostra scuola.
Didattica IRC: Insieme ai bambini abbiamo approfondito la conoscenza del presepe, richiamando le conoscenze pregresse sul primo presepe di Treppo realizzato da San Francesco. Abbiamo poi raccontato attraverso l’ausilio di storie (tratte dalla guida “Maestro Gesu’”) la storia di Maria e di Giuseppe.
I bambini hanno realizzato elaborati grafici e creativi individuali e in gruppo (bolla) attraverso tecniche pittoriche diverse: tempera, pastello, acquerello, colori a olio e cera, abbiamo poi presentato con l’ausilio del pc dei brevi filmati sulla storia di Maria e Giuseppe.
Ci siamo soffermati attraverso il circle-time sulla figura di Maria che da “semplice ragazza“ viene scelta da Dio che manda l’angelo messaggero per divenire la mamma di Gesù. Abbiamo poi riflettuto su Giuseppe e la sua bontà, che accoglie Maria e Gesù con grande fede. Abbiamo inoltre conosciuto tanti personaggi umili nel presepe come i pastori, le pecore, i pescatori, soffermandoci sull’importanza che Gesù dà al nostro cuore semplice e all’amore che doniamo e non solo alle cose materiali e alle ricchezze, perché “il bene fa sempre stare bene”.
Realizzazione presepe: i bambini piccoli hanno manipolato la carta blu per il cielo e la carta marrone per la capanna, hanno inoltre diviso i colori per tonalità depositandoli in vaschette divise; i bambini medi si sono occupati di verificare le dimensioni, gli stessi colori di uguale tonalità e lunghezza tutti nelle stesse vaschette, hanno realizzato anche i riccioli di tempera delle matite per i simulare i capelli e la paglia. I bambini grandi infine hanno realizzato insieme alle docenti i personaggi del presepe indicando dimensioni, colori, ubicazione, dando indicazione per i dettagli (barba di Giuseppe, velo di Maria, ali dell’angelo).

Scuola dell’Infanzia Paritaria "LODOVICO DE ANGELI" - Tesis

Presepe “magnetico”. Dopo aver parlato con i bambini del presepe, noi insegnanti ci siamo accorte che per mancanza di spazio, di tempo o purtroppo perché la le tradizioni stanno per essere sostituite da altro, molti bambini non avrebbero fatto il presepe a casa. La nostra idea è stata quella di creare un presepe magnetico che si può appendere in molti posti nella casa, i personaggi sono stati colorati dai bambini e poi fatti mettere in una cornice magnetica.

Scuola dell’Infanzia Paritaria "GIOVANNI GIOL" - Vigonovo

Il Natale degli animali:
Il presepe è ispirato al tema dell’anno: gli animali. Ogni sezione della scuola ha scelto e costruito un habitat in base ai bisogni educativi/interessi dei propri alunni (sezione primavera: la fattoria; sezione verde: la barriera corallina; sezione blu: l’Artico; la sezione gialla: il bosco e la montagna; sezione lilla: la savana). A casa, i genitori e gli alunni hanno scelto l’animaletto, i materiali e le tecniche con i quali realizzarlo. Il risultato è un microcosmo brulicante di vita e fantasia dove ognuno, allo stesso tempo diverso e uguale agli altri, è accolto. Il presepe, nato a scuola, si prepara per un viaggio nel cuore della nostra comunità: la piazza, dove le famiglie potranno ammirarlo in sicurezza. Sarà ospitato nella vetrina di un negozio, che gentilmente ha accettato la proposta e vi soggiornerà per tutto il mese di gennaio (salvo disposizioni diverse). Anche le riflessioni dei genitori diverranno “bene pubblico”: nelle vetrine di ogni attività, commerciale e non del paese, ne verranno esposte una o due.
Il percorso realizzato parte da una lunga tradizione di collaborazione scuola-famiglie: ogni anno maestre e alunni preparano gli sfondi per accogliere gli oggetti che i genitori, a casa con i loro bambini, costruiscono per animare il presepe. La compartecipazione al lavoro fa sentire tutti impegnati per una causa comune. Ogni anno la tradizione viene arricchita di elementi di novità che arrivano dal contesto di vita e dal progetto didattico dell’anno.
Per l’Avvento, vissuto come attesa e preparazione al Natale sono state proposte agli adulti tre domande:
1-Le limitazioni dovute al Covid cosa mi stanno togliendo? A cosa dovrò rinunciare?
2-Come posso superare questi limiti, pur rispettandoli?
3-Con quali parole o gesti posso ritrovare la mia umanità?
Ai bambini sono state proposte letture e attività ispirate al Natale e agli animali (tema dell’anno).
Hanno fatto da sfondo soprattutto due albi illustrati:
- Il filo magico, Mac Barnett, Terre di Mezzo
- Il Natale degli animali, Ladislav Pavlik
Un filo di lana rosso, simbolo del “logos” che permette la relazione tra gli esseri viventi, non si è fermato al cancello della scuola. Esso viaggia attraverso il paese assumendo anche forme singolari, perché in fin dei conti anche tutti noi lo siamo, e arriva alla chiesa. Da lì diventa invisibile, ma presente, come il pensiero. Si trasforma in parole e gesti che uniscono le genti vicine e lontane sia nel tempo che nello spazio.

Letto 624 volte Ultima modifica il Sabato, 20 Febbraio 2021 01:35

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Sei libero di disattivare i cookie in qualunque momento dal tuo browser. In tal caso non assicuriamo il perfetto funzionamento del sito. Policy Privacy